FINORA

Non avevo davvero capito
quanto fosse blu il cielo
e verde la giovane erba
a primavera,
quando il vento inclina
appena il capo
ai rami scossi
del mandorlo dai fiori bianchi iridati e del pesco con le chiome rosa.
Occupata dall’inganno del tempo,
non avevo mai osservato,
con cura,
le mille forme
di esseri, coi lori passi
e l’ombra mia, lunga,
che trema, scomposta
nell’incedere, lungo la strada.
Davvero, non avevo mai ascoltato
il suono delle tante voci,
intorno a me,
ognuna con un timbro,
ognuna che modula l’aria;
e nel respiro
e nei respiri,
nei pianti,
nei sorrisi,
trovo quanto sia bella la vita.

di Sarita Massai

HALLOWEEN A MODO NOSTRO

La festa celtica di Halloween viene inserita nella Scuola dell’Infanzia e in quella del Primo Ciclo (Scuola Primaria e Secondaria di I grado) perchè rappresenta un “pretesto didattico” per aiutare i ragazzi a conoscere altre culture diverse dalla nostra. Come educatori sappiamo bene che non è una festa strettamente legata alle nostre tradizioni culturali e religiose, ma ci aiuta a far capire agli alunni il “mondo intorno a noi“. E’ un modo per stimolarli alla conoscenza e all’approfondimento antropologico di questa tradizionale festa, che sta prendendo campo in Italia e nei paesi dell’Europa del Sud. Stando ben ancorati alla nostra cultura, dedicando del tempo anche alla comprensione e al significato della Festa di Ognissanti e alla celebrazione dei nostri defunti, i ragazzi conoscono poi anche “altre culture”. Ciò è necessario per formare l’uomo e il cittadino. L’uomo deve essere pronto e aperto a ciò che è diverso da noi, ma non distante da noi. L’obiettivo principale delle attività proposte è lo sviluppo della capacità di analisi del mondo culturale europeo, dentro il quale l’Italia vive e si confronta.

E’ necessario ricordare che quando conosciamo la nostra storia, si è coscienti di CHI SIAMO e DA DOVE ARRIVIAMO; tale consapevolezza impedisce di provare paura nel conoscere e usare le altre culture, che possono aggiungere conoscenze nuove e rappresentare arricchimento personale. Dare un senso al mondo e formare il cittadino di domani sono le competenze promosse dal PTOF con la “Cultura del Rispetto” e a cui aspira l’Istituto Comprensivo “Ambrogio Lorenzetti”.

Le attività svolte nella Scuola Primaria “Gianni Rodari” hanno coinvolto in una sperimentazione comune le classi I A, I B, V A e V B con percorsi calibrati per le diverse età e uniti in una performance finale. Sono state svolte attività laboratoriali e multidisciplinari di lettura di testi e racconti, selezionati con cura dai docenti di italiano, ascolto di canzoni, anche in lingua inglese, che i docenti di lingua straniera hanno tradotto e di cui hanno analizzato il significato, svolgimento di giochi e passatempi a tema. Gli insegnanti tutti si sono occupati del delicato compito di strutturare il setting d’aula, stimolando la curiosità degli alunni, portandoli alla conoscenza, senza che venga impartita loro una lezione frontale, ma coinvolgendoli in un’atmosfera di divertimento e di condivisione tra pari. Inoltre, attraverso la realizzazione di semplici maschere con materiale di recupero, gli alunni mettono in gioco la loro creatività e la loro manualità; in tal modo la conoscenza passa attraverso il fare, la cooperazione tra alunni e la didattica laboratoriale. La festa di Halloween viene così declinata come un caleidoscopio di suoni, colori, parole, italiane e inglesi, movimenti ritmati e coordinati, che troveranno la naturale conclusione nel balletto “Codi… amo con Halloween”, in cui gli alunni si incontrano sulle note di “This is Halloween” a passo di coding con “Ode to Code”.

“Codi… amo con Halloween” (video)

L’articolo è stato scritto dalla docente Alessandra Marzuoli e condiviso dal Team Innovazione Digitale e dal Team Bullismo, Cyberbullismo, Legalità e Educazione Civica.